Le mie RESIDENZE DI SCRITTURA – due giorni (magari tre) per scrivere, scrivere, scrivere e nient’altro

Per sapere cos’è una Residenza di scrittura leggete questa news

Per farla breve, perché del resto lunga non è, si tratta di passare due giorni (sabato e domenica) oppure tre giorni (venerdì, sabato e domenica) in una casa di montagna, lavorando su un vostro progetto sia esso un racconto, un romanzo o un testo narrativo di altro tipo, senza preoccuparsi d’altro che di scrivere. Che cosa ci sto a fare io allora? Prima di tutto cucinerò, mi occuperò della casa e terrò accesa la stufa, se è il caso, ma sarò ovviamente a disposizione per confrontarmi con voi sui dubbi, i passaggi e le pagine che mi vorrete sottoporre. Per ragionare sul progetto complessivo, su un punto della scaletta o su una frase che secondo voi non gira come dovrebbe. Se poi invece voi procedete come treni, io cucino e basta. Ah, sì, la stufa.
Domande che possono venirvi in mente:
1 – Quando si fa?
Non ci sono date fisse: vi mettere in contatto e troviamo i giorni in cui potete e posso (anche in settimana, se avete orari di lavoro bizzarri o nessun orario). Ovviamente l’idea è quella di fare un lavoro individuale, ma condividendo magari i giorni con altri due o tre che come voi lavorano a un progetto (mai più di tre persone comunque). Questo perché vorrei ci fosse la possibilità di un confronto incrociato tra i partecipanti, oltre che con me.
2 – Casa di montagna in che senso?
La casa si trova a 1200 metri in una borgata isolata il che vuol dire silenzio e nessuno tra i piedi (non indispensabile, ma aiuta a scrivere). E’ una casa, non un albergo, e una casa di montagna, non un cottage, dunque non ci sono camere singole. Letti singoli sì, e due appartamenti. Non sarete insomma costretti a dormire con qualcuno. Ci sono bagni, doccia e acqua calda. Anche internet, tavoli in abbondanza e la maniera di appartarsi per lavorare, se per voi scrivere è come fare la doccia: bisogna almeno che ci siano una tenda, una porta o un muro di mezzo.
3 – Il costo: dipende da quante persone ci saranno con voi, comunque non molto, non fasciatevi la testa.

Se le vostra testa ha partorito legittime domande che non ho previsto, potete scrivermi e vi darò chiarimenti.
In gamba.
Davide Longo

Per contatti e informazioni andate alla voce contatti di questa pagina (in alto a destra). Scrivete e risponderò.